Free option problem – Atomic Swap: prendi la firma e scappa

Free option problem – Atomic Swap: prendi la firma e scappa

Nel precedente post di questa breve serie implicitamente dedicata all’atomic swap:

abbiamo parlato di Interledger e di come funzioni il protocollo.

Tra le sue caratteristiche principali spicca la pacchettizzazione del valore e cioé la capacità di “scindere” l’asset da trasferire in tante parti, pacchetti appunto, più piccole così da aumentare la sicurezza e la velocità.

E’ proprio in ambito di sicurezza che parti più piccole unite ad un timeout più basso in fase di Preparepermettono di mitigare il Free option problem.

Cos’è il Free option problem?

E’ un problema congenito degli state channels, canali che “mantengono” lo stato, come appunto sono i canali di pagamento.

E’ una variante del fair exchange problem, un problema notissimo nel campo della crittografia, che può essere così riassunto:

Alice e Bob vogliono scambiarsi le firme. Se Bob invia per primo la sua, Alice potrebbe anche semplicemente non inviare la propria e proseguire avendo già tutto quello di cui ha bisogno -ndr la firma di Bob-. Se Alice inviasse per prima la sua firma, la situazione sarebbe identica ma a parti invertite.

Più o meno la stessa cosa potrebbe accadere con gli state channels.

[…]

Continua a leggere sul canale Vivido su Medium

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *