Microsoft Azure Virtual Machine Role – Parte 1

Nella giornata di oggi ho deciso di testare l’utilizzo del Virtual Machine Role di Microsoft Azure (VM Role).

Lo scopo dei test è quello di capire cosa i VM Role possono permettere di fare e quindi che vantaggi posso far trarre ai nostri clienti proponendo l’utilizzo di VM Role per i loro scenari.

Dopo essermi fatto preparare dai nostri sistemisti un Windows Server 2008 R2 SP1 fisico con estenzione Hyper-V, ho iniziato a seguire quanto scritto qui, soddisfando da prima i prerequisiti e andando a creare la mia prima Macchina Virtuale (VM) seguendo i passaggi descritti qui:

  • Creare la Macchina Virtuale Windows 2008 R2 (Standard nel mio caso)
  • Abilitare la connettività di rete
  • Aggiungere il Ruolo Web Server (IIS) con le selezioni di default
  • Aggiungere la Feature .NET Framework 3.5.1 Features
  • Installare tutti gli aggiornamenti da Windows Updates
  • Disabilitare gli aggiornamenti automatici di Windows Updates (Nella release attuale, Windows Update non è compatibile con Windows Azure perchè potrebbe riavviare una o tutte le istanze in maniera simultanea e non coordinata, causando interruzioni di servizio.
  • Installare i Windows Azure Integration Components (io ho trovato l’iso sotto “C:Program FilesWindows Azure SDKv1.4iso”)

Una volta eseguiti questi “semplici” passaggi, è possibile installare / configurare nella VM cosa vogliamo distribuire. Per adesso mi sono limitato ad inserire una index.html diversa sul Default Web Site nell’IIS della VM.

Adesso è necessario preparare e impacchettare la VM per essere “spedita” in cloud. Come? Tutto da riga di comando:

  • Aprire la riga di comando nella macchina virtuale
  • Eseguire un Sysprep (con i parametri elencati qui) e attenderne il completamento.
  • Aprire il Windows Azure SDK Command Prompt sulla macchina fisica (io l’ho fatto sul server Hyper-V)
  • Eseguire il comando di importazione, come descritto qui, e aspettare il caricamento.

L’operazione di caricamento è un’operazione di per se molto lunga, in quanto ovviamente dipende dalla banda internet che abbiamo a disposizione. La VM che ho creato, vuota, con il solo Sistema Operativo e gli aggiornamenti, è di 15GB (ExtraSmall) con 8.5 GB di dati. Il pacchetto che viene creato dal tool di upload (csupload) ha compresso un po’ portando il tutto a 4.9GB.

Quindi non mi resta che attendere la fine del processo di caricamento e proseguire, nei prossimi giorni, con le prove.

1 commento

  • Un’informazione non da poco: L’utility CSUpload che permette di pubblicare il pacchetto VM su Microsoft Azure -supporta- il resume, ovvero potete interrompere il processo di upload e riprenderlo quando volete o ripristinarlo nel caso si sia per qualche ragione interrotto.

    Riccardo Cappello Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *