Princi: la quiete dopo la tempesta..di downloads

Princi: la quiete dopo la tempesta..di downloads

Dopo il quantitativo esorbitante di download fatto registrare da Princi (@princi_vivido), app per la gestione della finanza personale disponibile “for free” sul marketplace, qualche riflessione è d’obbligo, per cercare innanzitutto di giustificare il “fenomeno” e capire quale siano state le mancanze in fase di ingegnerizzazione e realizzazione dell’idea.


Princi è una applicazione di cui tutti conosciamo la semplicità di sviluppo e di uso visto il set di funzionalità messo a disposizione all’utente, caratteristica che, in prima battuta, non aveva portato nessuno di noi a pensare che potesse arrivare oggi ad essere scaricata da più di 10 mila utenti (personalmente un anno fà mi auguravo di arrivare al più a 50).

A cosa può essere dovuto un numero così alto di download?

Come dimostrano i feedback pubblicati dai vari utenti, in particolar modo alla USABILITA’ dell’applicazione (grazie a Niccolò Baldini) che l’ha portata ad avere un ottimo rate pur non possendo un design accattivante e coinvolgente (ma immediato ed elementare)! Quindi è vero quando nei libri di User eXperience leggevo che un buono studio della UX risulta un’arma migliore rispetto ad uno sconto sull’acquisto dell’applicazione!

Certamente anche la sezione in cui è stata pubblicata, considerando il particolare momento storico, quello della finanza personale, ha giocato un ruolo rilevante.

A cosa non si era pensato in fase di  realizzazione dell’idea?

Sicuramente al fatto che potesse avere successo. Almeno non di questa portata. E di conseguenza è nata senza il ben che minimo scopo di lucro. Di Business Plan neanche a parlarne dunque. Ciò equivale a dire: 10000 downloads = 0 euro di guadagno.

Su questo ultimo punto però siamo anche convinti di potercela ancora “giocare”:  rispetto alla versione iniziale è stata già aggiunta una “Advertisement bar”  con tre unità di pubblicazione annunci su PubCenter (Ad targato Microsoft): peccato però che non ci siano quasi per nulla inserzionisti in lingua italiana!!

Speriamo di riuscire a fare, un domani, una statistica anche sui piccolissimi ricavi che una applicazione come Princi può generare.

Credits: Niccolò Baldini per i feedback sull’esperienza d’uso,
                Luca Deriu per aver scritto quasi per intero l’articolo che ho semplicemente  completato e riadattato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *