RoomShop

RoomShop

Cos’è
E’ una  serie di servizi destinati al mondo alberghiero per l’inserimento delle tariffe e disponibilità sui principali portali turistici, il recupero delle prenotazioni, il monitoraggio delle tariffe della concorrenza

La storia: cronologia
Idea del 2005
Finanziata con fondo europeo del 2006
Inizio sviluppo 2006, realizzato in tutte le sue componenti con Microsoft Visual Studio .NET
Presentato alla BIT nel febbraio 2007

Prima fase: servizi pubblicati su di infrastruttura in housing
Questo tipo di soluzione è stata valida fino a che il numero di clienti acquisiti nello stesso momento, e che quindi necessitavano un ingresso in produzione contemporaneo, era modesto, ma dal momento in cui abbiamo iniziato ad acquisire catene di alberghi, questo presupponeva un ingresso in produzione quasi contemporaneo di 20 o 30 struttura alla volta, il modello in housing ha mostrato i suoi limiti, che consistono:

  • Disporre di una capacità economica per acquistare nuovi server in conto capitale (di  conseguenza da considerare i relativo tempi di consegna), quindi assenza di scalabilità
  • Una volta che i server erano stati consegnati i nostri sistemisti dovevano provvedere a configurarli ed ad inserirli all’interno delle procedure di monitoring, quindi tempi sottratti alle normali attività di lavoro (mancata fatturazione)
  • A tal proposito ogni qualvolta si verificava un malfunzionamento ai sistemi dovevamo provvedere alla risoluzione sempre con le nostre risorse tecniche, in situazioni di emergenza, con ricadute negative sia in termini economici (di nuovo mancata fatturazione) che di rapporto con i clienti ai quali venivano sottratti i tecnici che svolgevano le attività concordate. Senza tener di conto, scenario che non ci è mai capitato per nostra fortuna, che per qualche congiunzione astrologica sfavorevole si sarebbe potuta verificare  l’indisponibilità, anche per giorni, dei tecnici sistemisti (vedi periodi di festività, ferie, malattia) il che avrebbe avuto ricadute drammatiche sul business.

Seconda Fase: prime esperienze in cloud
A fine 2009 abbiamo aperto il nostro account su AWS Amazon Web Services per iniziare a sperimentare l’utilizzo di piattaforme cloud ed abbiamo scelto AWS perchè come IaaS ci ha permesso, aldilà del servizio RoomShop, di sperimentare la migrazione di sistemi e/o servizi in cloud.
Infatti con AWS abbiamo iniziato un rapporto di partnership dal settembre 2011 di massima soddisfazione per le caratteristiche di estrema flessibilità di questo provider fra l’altro in continua evoluzione.

Nel 2010 abbiamo aperto l’account su Windows Azure che ancora era in beta iniziando i primi test su RoomShop.

Abbiamo trasferito quasi con un operazione copia&incolla tutto l’ambiente RoomShop su Azure (escluso il data base che per mancanza di tempo per gestirne la migrazione l’abbiamo lasciato su AWS per un altro anno) e dopo un paio di mesi di test l’abbiamo passato produzione.

Terza Fase: ingresso in produzione. I Vantaggi
In questo scenario i costi mensili ammontavano a circa € 2.000 (fra Azure + AWS) , ma già in questo scenario abbiamo fatto esperienza dei vantaggi del cloud in due occasioni:

Ingresso di una nuova catena di alberghi, dove ci siamo limitati alle sole attività di configurazione della nostra applicazione, senza doverci minimamente preoccupare della parte hardware (con annessi e connessi), terminata la quale eravamo in produzione.

Interruzione di un servizio in cloud (un data center colpito da un fulmine) dove ci siamo limitati a comunicare l’evento ai nostri clienti (fornendogli anche l’indirizzo web del dashboard messo a disposizione dal provider per seguire in diretta lo stato di avanzamento dei lavori di ripristino) ed il nostro team di sviluppo in contatto con il supporto del provider ha eseguito quelle attività necessarie per il ripristino in produzione. Non c’è stato nessun coinvolgimento di nostro personale sistemistico, evitando così gli aspetti negati descritti in precedenza.

Tutto questo ha avuto una ricaduta positiva sull’intera gestione del problema evitando quell’atmosfera di “emergenza”  sempre dannosa in momenti critici.

Nel gennaio 2011 siamo stati contattati dagli Evangelist di Microsoft per la piattaforma Azure con i quali è iniziata una fruttuosa collaborazione che ci ha portato ad approfondire ed accellerare le nostre conoscenze sull’utilizzo dei servizi Azure e su come sviluppare un codice ottimizzato  per questa piattaforma.

Al termine della revisione del codice i costi mensili Azure per l’intera architettura di RoomShop erano scesi da circa € 2.000 a € 600, una riduzione che ha dell’incredibile.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *